I PROSSIMI APPUNTAMENTI

Round 1 • 04-05 Apr 2021 • Maggiora Offroad Arena

Round 2 • 09 Mag 2021 • Ittiri Rally Arena

Round 3 • 05 Giu 2021 • Maggiora Reverse

Round 4 • 06 Giu 2021 • Maggiora Offroad Arena

Round 5 • 17-18 Lug 2021 • Castelletto Circuit

Round 6 • 30-31 Lug 2021 • Adria International Raceway (Coefficiente 1,5)

Round 7 • 02-03 Ott 2021 • Wachauring (Coefficiente 2)

Round 8 • 30-31 Ott 2021 • Maggiora Offroad Arena (Coefficiente 2)

LA STORIA

Quando parliamo di Rallycross parliamo di una disciplina che combina rally e corse in circuito, su piste a superficie mista strette, tortuose e con qualche salto, di dimensioni contenute, che consentono ai tifosi in tribuna di seguire la frenetica azione che si svolge durante la gara.

Si tratta di uno sport diffuso specialmente nei paesi del nord Europa, nei Paesi Bassi, in Belgio, in Francia, in Gran Bretagna e negli Stati Uniti, dove, però, le gare hanno altri tipi di restrizione.

Il Rallycross è iniziato come uno show televisivo, realizzato dal produttore Robert Reed dell’emittente televisiva ABC per il programma World of Sport di ITV, che debuttò nel 1967 sul circuito di Lydden, nel Kent, in Gran Bretagna.

Il primo Rallycross vero e proprio fu organizzato da Bud Smith e dal 750 Motor Club, con il contributo del proprietario del circuito di Lydden, Bill Chesson, e fu vinto dal futuro pilota di Formula 1 Vic Elford al volante di una Porsche 911 di serie, fornitagli dall’importatore britannico AFN.

Dopo quell’evento inaugurale, a Lydden si svolsero altri due test preliminari e il 23 settembre prese il via il primo Campionato Nazionale Britannico, denominato World of Sport Rallycross Championship e trasmesso su ITV.

La stagione contò un totale di sei prove (tre a Lydden e tre a Croft) e alla fine il titolo andò all’inglese Tony Chappell (Ford Escort Twin Cam) che, con una vittoria nell’ultima gara il 6 aprile 1968, a Lydden, diventò il primo campione britannico di Rallycross.

Dopo un anno e diversi eventi sui circuiti di Lydden e Croft, la BBC inserì il giovane sport nel suo programma Grandstand, mentre ITV ne sospese la programmazione dopo le Winter Series 1968/69.

Nel 1969, al circuito di Lydden e a quello di Croft si aggiunse un’ulteriore location per il Rallycross, quella di Cadwell Park, nel Lincolnshire. Tuttavia, mentre sia Lydden che Croft ospitano ancora oggi il Rallycross, Cadwell Park ha successivamente cancellato questo tipo di corse automobilistiche dal suo programma.

Le automobili coinvolte in questa disciplina sono estremamente potenti: dispongono di cambio manuale, 600 cavalli, 4 ruote motrici e motori turbo in grado di accelerare da 0 a 100 in meno di 2 secondi.

Le singole gare prevedono, solitamente, la partecipazione di 3/6 auto, con i relativi piloti intenti a lottare e “sportellare” col gas a tavoletta per 4 o 6 giri su circuiti per metà in asfalto e per metà sterrati.

Al momento, esistono due Campionati principali: il Red Bull Global Rallycross, negli Stati Uniti d’America, e il FIA World RX Championship, che prevede appuntamenti in tutto il mondo, dal Canada al Sud Africa.

In Italia, invece, il riferimento per tutti gli appassionati di questo sport è il Campionato Italiano Rallycross.

PER GLI SPONSORS

L’edizione 2020 del Campionato Italiano Rallycross sarà ricca di spettacolo, grandi prestazioni e alta tecnologia.

Forte di una storia di quarant’anni di attività, lo Sport Club Maggiora, che coordina il Campionato, intende accettare le sfide organizzative che si prospettano per il 2020, guardando al futuro con entusiasmo e con la determinazione necessaria per raggiungere grandi traguardi sportivi, coinvolgendo sempre più professionisti, spettatori e sponsor.

Con la sponsorizzazione del Campionato Italiano Rallycross avrete la possibilità di legarvi a un evento dalla visibilità nazionale, per un lungo arco di tempo, in grado di valorizzare il vostro marchio tramite una serie di strumenti flessibili e innovativi.

Il Rallycross è uno sport che si svolge all’interno di autodromi a fondo misto, paragonabili ad anfiteatri che garantiscono al pubblico una perfetta visuale dell’intero tracciato. Per questo offre tutto il meglio del motorsport racchiuso in 6 minuti di gara: testa a testa, bagarre intensa e continua, salti, derapate e colpi di scena a non finire.

Dal 2019, grazie al lavoro dello Sport Club Maggiora, il Campionato si disputa non più soltanto nella Maggiora Offroad Arena, ma anche in altri impianti quali l’Autodromo Tazio Nuvolari di Cervesina e il Wachauring di Melk, in Austria. In questo modo sono coinvolti ancora più Piloti e Preparatori, con conseguente aumento della visibilità sia del Campionato che dei suoi partecipanti.

DIFFUSIONE

Oltre ai tradizionali canali di comunicazione (stampa, radio e TV), particolare attenzione viene riservata all’attività social, con iniziative di engagement rivolte al pubblico.

La presenza istituzionale del logo aziendale è garantita su tutta la campagna stampa e sul sito web ufficiale dell’evento (con link a sito aziendale).

Il Press Office redige, per ogni evento, circa 4 comunicati stampa prima della gara del fine settimana. Ognuno viene, poi, inviato a un elenco di 130 mail di giornalisti, fotografi e altri media e a una mailing list di 43 sponsor. Ogni comunicato è pubblicato, infine, sul sito ufficiale RX Italia e riporta i loghi degli sponsor principali.

E’ previsto, inoltre, il posizionamento di striscioni lungo tutto il perimetro dei circuiti.

Per ogni gara sarà allestita un’area Expo con la possibilità di avere un proprio spazio promozionale.

Le premiazioni e le interviste vengono realizzate di fronte al backdrop del podio, sul quale vengono riportati i loghi degli sponsor principali, garantendo enorme visibilità ai loghi stessi.

Durante ogni gara sarà presente uno staff di fotografi e operatori che copriranno l’evento in modo capillare, a vantaggio della diffusione della promozione dell’evento.

Ogni round sarà trasmesso live con commento tecnico sulle principali piattaforme social (la diretta finale raggiunge circa 85.000 persone).

E’ garantita, inoltre, la presenza in esclusiva del logo aziendale sulla fascia parasole delle vetture (opzione riservata al Main Sponsor).
E’ garantita, inoltre, la presenza in esclusiva del logo aziendale sulle tabelle portanumero poste su entrambi i lati della vetture. 

PER I PARTNER

Diventare Partner del Campionato Italiano Rallycross significa disporre di:

  • Striscioni pubblicitari fissi, esposti in posizione di ottima visibilità all’interno dell’arena.
  • Presenza del logo aziendale sulle pagine del sito web.
  • Presenza del logo aziendale sulle pagine social della Maggiora Off Road Arena.
  • Presenza del logo aziendale nel contesto delle campagne promozionali dei singoli eventi.
  • Presenza del logo aziendale sui comunicati stampa.
  • Presenza del logo aziendale sul backdrop delle interviste.
  • Presenza del logo aziendale sul materiale pubblicitario cartaceo di ogni singolo evento.
  • Stand espositivo presso Area Expo in circuito.

Oltre alla visibilità, diventare Partner significa usufruire di:

  • Materiale fotografico e giornalistico sportivo da utilizzare nelle campagne di comunicazione dell’azienda sponsor.
  • Possibilità, da parte dell’azienda, di effettuare attività rivolte a pubblico e piloti.
  • Acquisto di ticket agevolati.

Inoltre, l’azienda che decide di diventare Partner riceverà abbonamenti gratuiti per vivere le gare a stretto contatto con i titolari e gli invitati delle altre aziende, con i quali, oltre a condividere le emozioni delle gare, potrà instaurare rapporti di pubbliche relazioni.

Contattaci per maggiori informazioni: il nostro Team sarà felice di offrirti una consulenza gratuita per la sponsorizzazione del Campionato Italiano Rallycross!